martedì, 23 Aprile 2024
HomeNewsLa Murgia negli Usa con il cuoco Massimo Buono

La Murgia negli Usa con il cuoco Massimo Buono

Intervista al cuoco gravinese chef guest del ristorante “Toscana” a Los Angeles

Lo scorso 15 marzo, ad oltre 10 mila km di distanza dalle nostre terre, un cuoco portava a poche miglia da Beverly Hills e Hollywood, nell’ovest di Los Angeles, in Usa, la cucina murgiana.

Stiamo parlando di Massimo Buono, cuoco classe 1980, nato a Gravina ed attualmente residente ad Altamura che per l’occasione è stato invitato come chef guest (chef ospite) nel ristorante italiano Toscana, a Los Angeles appunto, per preparare oltreoceano i suoi deliziosi piatti.

Per il ‘nostro’ chef, l’occasione è stata ghiotta per portare sui tavoli degli statunitensi le prelibatezze murgiane e pugliesi, e per questo motivo, non potevamo che intervistarlo per saperne di più su questa incredibile esperienza.

Come si definisce Massimo Buono?

Nato e cresciuto in un luogo brullo e prezioso: la Murgia; dove i gusti sono forti e i profumi si mischiano e cambiano è innovatore per professione, che ama mescolare tradizione e modernità e condire con un pizzico di fantasia iniziando il suo viaggio alla ricerca dei sapori e i colori.

Sperimenta giorno dopo giorno il gusto dell’inconsueto, lasciandosi ispirare dall’energia e dalla bellezza del mondo. Viaggiando per il globo conosce culture e sapori diversi. Ritrova la sue radici.

Le esperienze dei suoi viaggi fanno di Massimo uno degli chef più interessanti del nostro territorio, un cuoco glocale con lo stupore negli occhi.

Come è stato ricevere l’invito per fare da chef in un ristorante oltreoceano e portare lì le specialità pugliesi, e murgiane?

Ricevere un invito da un ristorante oltreoceano è stato per me un orgoglio e un esperienza edificante. Inoltre, ricevere i complimenti dai commensali per i nostri prodotti che vincono già così come sono…

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
Cosa ha presentato agli ospiti, i commensali, della serata? Da cosa era composto il menù e con che tipo di ingredienti è stato preparato?

A Los Angeles ho portato un menù degustazione in 4 atti, tipico pugliese, per cui ho avuto cura di usare prodotti autentici Made in Puglia grazie ai partner: ‘Pasta Felicia bio e Spirito Contadino’ e ‘Vini Botromagno’.

Tra i piatti ho presentato: il pallone di Gravina fatto in pastella, una parmigiana. Poi come primo piatto le Penne di Avena Felicia Bio con cime di rapa e olive Nolche Pugliesi e come secondo piatto un agnello farcito ai finocchietti selvatici. Davvero una delizia.

Ha avuto modo di ottenere qualche giudizio a riguardo? C’è stato qualche aneddoto che ha gradito?

Tutti entusiasti i Californiani e personaggi hollywoodiani che hanno partecipato alla gustosissima e autentica Cena con la ‘C’ maiuscola.

Davvero tutti entusiasti e che volevano conoscere lo chef italiano, pugliese, tanto da chiamarmi ai tavoli dove io mi sono presentato, tavolo per tavolo, emozionato e orgoglioso di aver presentato e dato valore alla nostra cucina che davvero merita di essere gustata in tutti i suoi sapori e colori.

Per l’aneddoto: un tavolo, colpito in particolar modo dalla bontà dei piatti, che ha chiesto una foto con lo chef. È stato da lì che tutti gli altri hanno chiesto la foto. Lì per me è stato emozionate, quasi imbarazzato, ero accolto dagli applausi.

Ringraziamo Massimo Buono per il tempo insieme, al quale auguro il meglio per il futuro; ma grazie anche a voi lettori arrivati sin qui. Di seguito alcuni scatti della serata:

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari