venerdì, 7 Ottobre 2022
HomeNewsLa Prefettura di Matera organizza l’accoglienza per i profughi ucraini

La Prefettura di Matera organizza l’accoglienza per i profughi ucraini

Presto bando Cas per Comuni e privati

Sono attualmente 165, di cui 80 minori, gli ucraini ospitati sino ad ora in provincia di Matera e accolti dalla Prefettura. Di questi 124 sono ospitati nell’ambito del sistema CAS gestiti dai Comuni che hanno sottoscritto accordi con la Prefettura, mentre sono pervenute offerte per circa 300 posti nei CAS gestiti direttamente dalla prefettura.
Numeri forniti dal prefetto di Matera, Sante Copponi, durante la consueta riunione settimanale della “Unità di Crisi” per l’esame delle problematiche riguardanti l’accoglienza dei cittadini ucraini, soprattutto donne e bambini, in fuga dagli eventi bellici.
All’incontro hanno partecipato i sindaci dei Comuni della provincia e tutti gli enti e forze dell’ordine coinvolti oltre ai rappresentanti delle associazioni del Terzo Settore impegnate nell’accoglienza ai migranti.


L’incontro è stata l’occasione per annunciare l’apertura di un bando gestito dalla Protezione civile nazionale e di prossima pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale destinato ad ampliare la rete di accoglienza diffusa diverse da quelle previste nell’ambito del sistema CAS, da attuare mediante i Comuni, enti del terzo settore, associazioni di volontariato, enti religiosi prevedendo sostanziale omogeneità con il sistema CAS (per un totale di 15.000 posti), nonché prevedere forme di sostentamento a coloro che hanno trovato una autonoma sistemazione (per un totale di 60.000 posti).


Infine il Questore di Matera e il Direttore Generale della ASM hanno illustrato le attività sinora svolte per la identificazione dei profughi e lo screening sanitario. Per quanto riguarda l’inserimento dei minori in età scolare nelle strutture scolastiche è stato ribadito che ciò sarà possibile solo dopo che l’ASM avrà preso in carico i minori ed effettuato tutti gli accertamenti ai fini della somministrazione delle vaccinazioni obbligatorie.
Il Prefetto ha assicurato che adotterà subito una circolare ai Comuni, ASM e Ufficio scolastico provinciale con tutte le indicazioni necessarie.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari