venerdì, 7 Ottobre 2022
HomeNewsPnrr, ecco i progetti presentati da Altamura

Pnrr, ecco i progetti presentati da Altamura

Dieci milioni di euro da spendere entro il 2026

Dieci milioni di euro di fondi stanziati dal Piano di Rinascita e resilienza per Altamura. Fondi da ripartire per due diversi progetti recentemente approvati nell’ambito del piano presentato dalla città metropolitana di Bari.

Il primo progetto racchiuso nel pacchetto Identità e Comunità riguarda la risistemazione dell’ultima parte del centro storico che comprende via Laudati e piazza Martiri. L’idea messa  a punto  mira a rigenerare la parte del centro storico rimasta fuori dai progetti di rigenerazione urbana. Anche in questo caso è prevista la sistemazione delle antiche basole  e il rifacimento dei sottoservizi oltre al recupero del decoro urbano sia delle strade che degli antichi claustri.

“Si chiude il cerchio nel centro storico, con il cuore antico della città completamente recuperato” commenta la sindaca Rosa Melodia.

Il secondo progetto, invece, compreso negli interventi denominati “Verde Metropolitano” vedrà la sistemazione di un antico ponticello dell’acquedotto pugliese a ridosso della statale 96 e il recupero dell’area verde circostante. Prevista la realizzazione di un percorso verde di collegamento tra il quartiere Trentacapilli e via Selva.

Soddisfatta Rosa Melodia secondo cui “i finanziamenti non arrivano per caso. Dieci milioni di euro sono arrivati ad Altamura grazie ad una amministrazione che ha una visione di insieme della città e che non si è mai soffermata solo sul centro storico”.

Progetti che sebbene finanziati in un pacchetto di progetti destinati alla città metropolitana, saranno realizzati e appaltati dal Comune di Altamura.

“Tutto il lavoro di progettazione è stato sviluppato all’interno della cabina di regia della città metropolitana, ma è bene precisare che i due progetti sono stati sviluppati dal Comune di Altamura – spiega la sindaca – al quale ora tocca preparare il progetto definitivo da sottoporre a gara d’appalto. A seguire sarà predisposto il progetto esecutivo. Lavori che gestirà il Comune con l’impegno di portare  a termine le opere entro il 31 marzo 2026”.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari