giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeNewsDalla Regione Puglia finanziamenti per le chiese di Gravina e Altamura

Dalla Regione Puglia finanziamenti per le chiese di Gravina e Altamura

Ad Altamura fondi per la chiesa di San Michele. Quattro i progetti finanziati a Gravina

Con 2 milioni e 200 mila euro la Regione ha finanziato piccoli interventi per la salvaguardia e la valorizzazione di beni immobili, pubblici o privati, del patrimonio culturale che hanno particolare valenza storica, artistica e religiosa. E, questa volta, lo fa assicurando la copertura economica di 42 cantieri con cui saranno recuperati, restaurati o manutenuti campanili, cappelloni, volte, opere scultoree, altari, battisteri o pulpiti.

“Si tratta di piccoli interventi con cui sosteniamo il ricamo di una trama di spiritualità e cultura in luoghi dove è custodito il cuore religioso delle comunità dei fedeli e quello laico del flusso di storia e delle storie che li ha attraversati e li attraversano”, ha detto il vicepresidente della Regione Puglia e assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Piemontese, commentando il quadro degli interventi finanziati.

Visto che il numero di istanze indirizzate ai capitoli del bilancio regionale destinati alla manutenzione straordinaria e al restauro conservativo superava il budget richiesto, sono stati assegnati contributi massimi di 35 mila e 500 euro ai Comuni e di 43 mila e 170 euro alle istituzioni sociali riconducibili a enti religiosi della Chiesa cattolica e di altre confessioni.

Per quanto riguarda il nostro territorio è stato finanziato il recupero delle grotte tombate del sito ipogeo di San Michele delle Grotte di Altamura con un finanziamento di  43.170 euro mentre a Gravina saranno finanziati i lavori di restauro conservativo dell’interno della cupola della Chiesa San Domenico per 43.170euro; il restauro conservativo della cupola della chiesa ducale Santa Maria del Suffragio detta “del Purgatorio” con un finanziamento pari  a quello previsto per la chiesa di San Domenico così come saranno investiti i medesimi importi per il restauro conservativo delle facciate retrostanti la chiesa di Sant’Agostino e il restauro conservativo dei locali al piano terra del chiostro di San Sebastiano.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari