lunedì, 22 Aprile 2024
HomePRIMO PIANOGravina, lo stile di Mimina Cornacchia a Sanremo

Gravina, lo stile di Mimina Cornacchia a Sanremo

Sua la scelta dei look di Mr. Rain sul palco dell'Ariston

Passione per la moda, attenzione alle ultime tendenze e al fashion style: queste alcune delle “skills” di Mimina Cornacchia, in arte “chiametalamimi” su instagram dove è seguitissima.

Un profondo legame con Gravina, dove ha vissuto da piccolissima, grazie ai teneri ricordi d’infanzia e all’affetto dei suoi cari nonni.

Oggi si divide per lavoro tra Milano e Forte dei Marmi, collabora con i più importanti stilisti nazionali, ha un figlio e un marito, e ama viaggiare per il mondo. Ha iniziato a lavorare nel mondo della moda da giovanissima con il blog “Il diavolo veste baby”.

Adesso è a Sanremo per curare i look dell’artista Mr. Rain, in gara nella 73esima edizione del festival della canzone italiana. E’ stylist di altri personaggi noti tra cui Eros Ramazzotti, Giulia De Lellis, Frank Matano e Mariasole Pollio.

L’abbiamo raggiunta telefonicamente per scoprire qualcosa in più di lei.

Com’è nata la collaborazione con Mr Rain a Sanremo e perché ha scelto quel look?

Richiedi il tuo banner su ilTag.it

È nata in maniera spontanea com’è successo con altri talenti. Ci tenevo a proporre al pubblico Mr Rain nei suoi “panni”. Il look è giovane e contemporaneo.

A chi si ispira nella vita e nel lavoro?

Non mi ispiro a nessuno, ma tengo ben saldi i valori con cui sono cresciuta: dedizione, umiltà e amore per il prossimo. In tutto ciò che faccio, sia nella vita che nel lavoro.

Chi vorrebbe vestire?

Mi lascio sorprendere dalla vita e sopratutto: i sogni non si dicono mai a voce alta!

Si divide tra Milano e Forte dei Marmi, e ama viaggiare. Qual è il posto in cui si sente a casa e quale quello del cuore?

Mi sento a casa ovunque ci siano le persone che amo. Amo il mio mare, amo Forte dei Marmi e li ho bisogno di tornare. Porto nel cuore, peró, la campagna soleggiata e che profumava di vita dei miei amati nonni.

Che rapporto ha con Gravina e quanta influenza hanno le sue origini sul suo modo di essere?

I miei nonni Angelo e Mimina (di cui porto orgogliosamente il nome), sono stati un grande esempio per me. Di sacrificio e amore. Vengo dalla terra, quella che mio nonno zappava sotto il sole e sono abituata al sacrificio. Tanto della donna che sono lo devo a loro. Erano persone semplici ma nobili d’animo. Li amavo profondamente e purtroppo soffro ancora molto a tornare giù perché in quella campagna sento ancora più forte l’assenza.

Cosa non deve mancare nel guardaroba di una donna? E cosa ha sempre nella sua borsa?

Non deva mai mancare una camicia bianca, un jeans , un bel blazer. Nella mia borsa c’è sempre un rossetto, auricolari e il telefono.

Mamma, viaggiatrice, fashion influencer. Come concilia tutto?

Conciliare tutto è sfiancante. Ma amo quello che faccio e quindi un bel sorriso e via!

È questa la vita che si aspettava da piccola e nei suoi sogni? O c’è altro che desidera?

In realtà sognavo tutt’altro. Mi ha sorpresa veramente la vita. Ho tutto ciò di cui ho bisogno: un figlio meraviglioso, un marito premuroso, dei genitori che mi hanno regalato uno dei doni più preziosi, i miei fratelli e le mie sorelle. Desidero vivere così, circondata dall’amore vero, essere in salute e avere fede. Quella non manca mai, come diceva mia nonna Mimina.

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari