domenica, 5 Febbraio 2023
HomeEventiGiornata della memoria, incontro a Matera tra Prefettura e scuole

Giornata della memoria, incontro a Matera tra Prefettura e scuole

Durante la giornata saranno assegnate tre medaglie d'onore a tre internati

La Prefettura di Matera, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e d’intesa con il Comune di Matera, per onorare il Giorno della Memoria (istituito con la L. n. 211 del 20 luglio 2000) organizza una cerimonia nella sede dell’I.I.S. “G.B. Pentasuglia” di Matera, coinvolgendo le scuole secondarie di II grado della città lucana. L’evento si svolgerà nella mattina di venerdì 27 gennaio, alla presenza di Autorità regionali e locali: la Dirigente USR Basilicata, Claudia Datena, il Sindaco Domenico Bennardi, il Presidente della Provincia Piero Marrese, il Vescovo Antonio Giuseppe Caiazzo, e il Prefetto Sante Copponi. Sarà presente, inoltre, la Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti, Martina Montemurro.

Il programma prevede, dopo la proiezione di un audiovisivo prodotto dallo staff dell’I.I.S. “Pentasuglia”, dal titolo “Per non dimenticare…”, l’intervento dell’avv. Raffaello De Ruggieri, per un breve momento di narrazione e riflessione.

Le scuole secondarie di II grado, rappresentate da una classe per ogni Istituto, esporranno lavori, con diverse modalità di presentazione (video – letture – recitazione – rappresentazione teatrale – performance musicale) sui temi inerenti alle tragiche vicende che hanno segnato il XX secolo e che oggi rischiano di ripetersi sotto diverse forme, ma con le stesse distorsioni politiche, sociali e culturali.  Il programma si concentrerà, quindi, sulla consegna, da parte del Prefetto Sante Copponi, delle Medaglie d’Onore concesse con Decreto del Presidente della Repubblica a tre internati in campi di concentramento nazisti durante la Seconda guerra mondiale, alla presenza dei familiari di due concittadini di Grottole e di uno di Tricarico.

La Prefettura ha fortemente voluto una diversa impostazione della cerimonia, coinvolgendo direttamente il mondo scolastico, sia per il luogo scelto sia per il contributo attivo degli studenti, al fine di evitare ambienti aperti, spesso dispersivi, che potrebbero indurre il pubblico ad una passiva e distratta partecipazione. La Memoria, come ha ribadito più volte la senatrice Liliana Segre, rimane, in ogni epoca, l’unico vaccino contro l’indifferenza.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari