martedì, 28 Maggio 2024
HomeNewsMatera, la performance "Jazz for democracy" per la Festa dell'Europa

Matera, la performance “Jazz for democracy” per la Festa dell’Europa

L'evento organizzato dalla fondazione Matera Basilicata 2019

In occasione della Festa dell’Europa del 9 maggio, la Fondazione Matera Basilicata 2019 con il supporto dell’Onyx Jazz Club di Matera e la partecipazione dell’Associazione Volontari Open Culture 2019 organizza “Jazz for democracy. Parole e musica per ‘fare’ società”, performance di e con il sociologo Stefano Allievi e il duo Spiritus Spiritus (Francesco D’Auria e Tino Tracanna) e Michel Godard (special guest), in programma alle 19:30 a Palazzo Bernardini a Matera, con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

La performance, che intende raccontare il rapporto tra jazz e democrazia facendo interagire parole e musica, rappresenta l’esito di un progetto più ampio di residenza artistica che vedrà protagonista, dal 7 al 9 maggio a Matera, una strana e anomala compagine: un sociologo che ama il jazz senza saperlo praticare (o praticandone i principi senza suonarlo) e tre musicisti che suonano strumenti in una formazione inusuale. Dopo essersi conosciuti, ascoltati e scambiati testi e musica, insieme proveranno a raccontare come il jazz sia una metafora perfetta per spiegare la democrazia.

Nelle tre giornate di residenza, sempre a Palazzo Bernardini, sono previsti dei momenti di “prove aperte” in cui si potrà assistere alla creazione della performance (8 maggio, dalle 11:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 18:00, 9 maggio, dalle 11:00 alle 12:00). 

«Tutto è nato lo scorso ottobre – spiega il Direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Giovanni Padula – quando, durante l’incontro dei Festival jazz italiani organizzato da Onyx a Matera, la Fondazione ha presentato un’idea semplice e stimolante allo stesso tempo: l’ascolto generoso è una modalità di rapportarsi agli altri che unisce il jazz e la democrazia, tendere l’orecchio all’altro musicista o alla persona con cui stiamo cercando di costruire un dialogo e farlo con generosità, senza preconcetti. Il jazz può aiutare a comprendere nuove culture, il confronto anche serrato tra persone, la dissonanza e l’armonia, la collaborazione tra gruppi sociali. Matera e la Basilicata sono terreno fertile per esperimenti come questo che fondono musica e parola e ci parlano di un bene prezioso come la democrazia».

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari