giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeNewsRaffaele Braia, l'attore gravinese che si divide tra Lolita Lobosco e il...

Raffaele Braia, l’attore gravinese che si divide tra Lolita Lobosco e il cinema internazionale

L'attore nel cast di numerose produzioni nazionali e internazionali

E’ uno degli attori più attivi di Puglia. Dal piccolo al grande schermo passando per il teatro, Raffaele Braia, emoziona, incanta, e soprattutto adesso si confronta con il grande cinema. Lo abbiamo intervistato a conclusione di un anno, il 2022, pieno di impegni e di emozione e in  attesa di un 2023 ancora più importante.

Dopo due anni di stop imposti dalla pandemia da Covid 19 la prima domanda da farti, caro Raffy, è come stai?

Adesso posso dire che va tutto bene, la pandemia ci ha messo a dura prova, il nostro settore a seguito delle restrizioni è stato messo duramente alla prova! Il lavoro è ripreso, ma quanta fatica per noi…

Per fortuna il 2022 è stato pieno di impegni e soddisfazioni. Iniziamo dalla fiction del momento “Le indagini di Lolita Lobosco”. Quale è il tuo ruolo e come è stato lavorare per un produzione Rai importante?

Lavorare per la Rai è sempre un piacere, farlo in Puglia per una serie che ha superato il 33% di share è motivo di orgoglio e gratificazione. Il mio ruolo nel 3 episodio “Viva gli sposi” che andrà in onda il 22 Gennaio è quello di Bruno Papa un wedding planner alle prese con l’organizzazione di un matrimonio e con la scoperta di un omicidio.

Cosa ci puoi raccontare di Luisa Ranieri?

Intanto è bellissima, professionale, gentile, umana! Una grande attrice !

La tua pubblicità qui

Forse più importante della fiction Rai è stata la serie americana “Ripley” con attori di grande successo e un regista da far tremare le ginocchia. Raccontaci la tua esperienza, dal provino alla lavorazione delle scene….

La serie Ripley è arrivata ad inizio gennaio del 2022 del tutto inaspettatamente. Avevo fatto un provino ad Aprile 2021 e altri call back on line. Quando è arrivata la chiamata sono stato felicissimo di lavorare con Steven Zaillian, premio Oscar alla sceneggiatura dell’indimenticabile Shlinder’s List. La lavorazione su un set internazionale mi ha dato la possibilità di capire che gli americani sono davvero insuperabili sul set. La loro organizzazione è straordinaria!

Hai girato a Venezia, una città magica, teatrale ella stessa. Come è stato?

Ero stato a Venezia alla Biennale del teatro nel 2009 con un mio spettacolo “Rosso e Malcavato” ritornarci per girare una serie internazionale è stato a dir poco magico!

In terra di Puglia oltre a Lolita Lobosco stai lavorando anche al film su Percoco e alla serie sull’omicidio di Sara Scazzi. Un impegno importante soprattutto perché sei chiamato  a raccontare fatti di cronaca locale ancora vivi nei nostri ricordi.

Il film “Happy Day- La Vera storia del mostro di Bari” diretto da Pierluigi Ferrandini prodotto da AltreStorie per RAICINEMA è stato girato tra novembre e Dicembre 2021. Tratto dal romanzo “PERCOCO” di Marcello Introna narra la  vicenda di Franco PERCOCO che nel 1956 uccise madre, padre e fratello! In questa opera interpreto il ragionier Monno, vicino di casa di Franco Percoco.

Le riprese della serie “Avetrana – Qui non è Hollywood “ per la regia di Pippo Mezzapesa prodotta da Groenlandia per Disney + sono terminate a Dicembre 2022 e interpreto uno dei giornalisti che narrarono la vicenda della piccola Sarah in quella calda estate del 2010.

 Il tuo 2023 come sarà? Torni  a teatro?

Spero pieno di nuove ed entusiasmanti avventure sia teatrali che cinematografiche, ma come bene sai non posso anticipare nulla!

Raffaele Braia in uno scatto di Francesco Termine
La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari