domenica, 2 Ottobre 2022
HomeEventiSuoni della Murgia: continua tour nelle masserie storiche

Suoni della Murgia: continua tour nelle masserie storiche

Doppio appuntamento e quattro concerti nel weekend

Ancora un weekend intenso per Suoni della Murgia, la rassegna internazionale di musica etnica e popolare giunta alla 21esima edizione, organizzata nelle masserie storiche del territorio di Altamura. Previsti quattro concerti di genere e segno stilistico anche molto diversi tra di loro. Una scelta che si conferma particolarmente felice quella del tour nelle masserie storiche, già adottata nelle edizioni più recenti, visto che nelle prime date di questa edizione si è registrato un ottimo afflusso di spettatori, (una media finora di 200/250 a serata), provenienti anche da altre città della provincia e da fuori provincia. La stagione estiva entra nel vivo adesso e con essa anche i rientri si intensificano, quindi ci si attende un ulteriore incremento di presenze.

Oggi (sabato 23 luglio) appuntamento nello splendido cortile della masseria Malerba a partire dalle 20.30 con Bevano est trio (band romagnola formata da Stefano Delvecchio-Fisarmonica bitonica; Davide Castiglia-violino; Giampiero Cignani-clarinetto, clarinetto basso) e, a seguire, intorno alle 21.45, Vincenzo Cornacchia alla chitarra e il suo progetto musicale “Elicriso”, una transumanza tra i suoni di cinque continenti. (Per raggiungere Masseria Malerba https://goo.gl/maps/xa8sWdCuNo9qFGmn7

Domenica 24 luglio nella dimora Cagnazzi, un luogo di grande suggestione tra un anfiteatro naturale, le grotte, il trullo recuperato, le corti e le “pagine” di storia del casale, si comincia alle 20.30 con Claudio Prima & SE.ME, dove l’organetto incontra la voce e gli strumenti ad arco. Alle 21.45 sul palco sale la Christian Di Fiore Sinfonia Ensemble. Anche in questo progetto si fondono i suoni della cultura popolare (zampogna, organetto, fisarmonica) con quelli della cultura classica (oboe e contrabbasso) e delle percussioni mediterranee. Per raggiungere Dimora Cagnazzi https://goo.gl/maps/82oeeGjyk5fnuQGdA

La rassegna “Suoni della Murgia”, una delle più longeve in Puglia, organizzata dall’associazione omonima, si fonda sulla radicata esperienza del gruppo musicale “Uaragniaun” e della sua voce, la cantante Maria Moramarco, da anni impegnati nella riscoperta dei canti dell’Alta Murgia ma anche nella contaminazione con altri generi e con altri percorsi della musica popolare e del folk. Il festival rappresenta una occasione per riproporre e promuovere la musica popolare ed etnica di studio e di ricerca, oltre che un momento di forte scambio culturale tra nazioni e culture geograficamente lontane. Nel corso degli anni la manifestazione è cresciuta in qualità e rinomanza grazie all’impegno del gruppo Uaragniaun e di Maria Moramarco, la Voce della Murgia, che le hanno impresso una particolare connotazione. Un progetto che ha portato nel territorio oltre centottanta artisti e permesso l’ascolto di musiche e l’approccio a lingue e dialetti poco conosciuti. Direttore artistico è Luigi Bolognese, chitarrista dello storico gruppo altamurano. Da qualche anno, dopo aver ospitato i concerti nei centri cittadini del territorio o nelle aree naturali del Parco dell’Alta Murgia, i promotori hanno fatto la scelta, fortunata, di “coniugare” la musica e le masserie storiche recuperate negli ultimi tempi, dal punto di vista architettonico, e rianimate, dal punto di vista economico, grazie, in particolare, alle iniziative dei privati. Luoghi incantati, ma allo stesso tempo vissuti durante tutto l’anno da chi li conduce, fanno da cornice agli spettacoli. Un vero refrigerio, in un periodo torrido, da tanti punti di vista, per corpo e anima degli spettatori.

Dopo i 4 concerti del fine settimana, il programma si dipanerà ancora con un’altra data a luglio e altre quattro ad agosto. E chissà che gli organizzatori non riservino altre sorprese. Coinvolte in questa edizione le masserie Malerba, Madonna dell’Assunta, il Centro visite dell’Uomo di Altamura, la Dimora Cagnazzi e Jazzo Corte Cicero, che hanno visto e vedranno esibirsi gruppi e artisti italiani e internazionali, provenienti da diverse parti del mondo. Un cartellone originale durante il quale sarà possibile avvicinarsi, per esempio, alle musiche irlandesi e balcaniche, afghane e basche. Tra gli altri, nelle prossime date, Sumaia Karimi, cantante afghana in Duo, che proporrà le canzoni tradizionali del suo Paese, e poi ancora Daniele Di Bonaventura e Arild Andersen, Ars vulgaris, Claudio Farinone. Tra gli spettacoli più suggestivi “Petrafonia”, con Maria Moramarco, Fabio Mina, Francesco Savoretti, Vito Maiullari e con la partecipazione di Luigi Bolognese. E, inoltre, talenti di assoluto valore: Carlo Cozzolongo, David Riccardi, Paolo Clemente, Michele Ciccimarra, Nanni Teot, Angelo Trabace, Andrea Parodi Zabala e Borderlobo. Non mancheranno incroci e incontri con espressioni artistiche diverse: dalla danza alla scultura, dal cinema (in programma una retrospettiva sul regista Agostino Di Ciaula) ai libri.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari