sabato, 3 Dicembre 2022
HomeNewsEra di Altamura il sindaco di Bari che costruì nel 1838 l'attuale...

Era di Altamura il sindaco di Bari che costruì nel 1838 l’attuale palazzo del Tar

La famiglia Filo fu una delle più antiche di Altamura e tra le più facoltose dell'ex Regno di Napoli. La sua presenza è documentata nella città murgiana sin dal XV secolo.

In pochi, anzi pochissimi, sanno che uno dei più bei palazzi storici di Bari fu costruito nei primi dell’Ottocento da un esponente di una famiglia di Altamura. Stiamo parlando di Palazzo Diana, oggi sede del Tribunale Amministrativo Regionale della Puglia, che in realtà dovrebbe chiamarsi “Palazzo Filo della Torre”. La famiglia Filo fu una delle più antiche di Altamura e tra le più facoltose dell’ex Regno di Napoli. La sua presenza è documentata nella città murgiana sin dal XV secolo.

Il ramo barese dei Filo esordì con Giuseppe, marito di Gesualda Sforza. Fu uno dei loro figli, Massenzio, a costruire il palazzo barese. Massenzio nacque nel 1805 e sposò il 22 luglio 1826 a Napoli Donna Maria Teresa Siciliani, originaria di Giovinazzo. La famiglia Filo si inserì subito nei più importanti ambienti della società barese. Lo dimostra il fatto che Massenzio fu sindaco di Bari dal 1834 al 1837. Dopo aver acquisito tre aree edificatorie ubicate sul corso Ferdinandeo, la più importante via della città, realizzò nel 1838 il maestoso palazzo che oggi tutti ammirano, ubicato a pochi metri dalla Prefettura, Palazzo di Città e teatro Piccinni.

La proprietà Filo non durò a lungo. Nel 1851 il palazzo fu acquistato da Giuseppe Diana, figlio di un ricco banchiere di origini piemontesi.

Dal matrimonio tra Massenzio Filo e Maria Teresa Siciliani nacquero sei figli: Michela, sposata con Vincenzo de Castris; Maria; Isabella; Francesca, sposata col nobile Giuseppe d’Amelj patrizio di Bari; Giuseppe, nato nel 1837; Raffaele, nato il 16 gennaio 1839 che posa il 24 ottobre 1874 la nobile Filomena Roth.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari