giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeNewsSportPnrr, dal Governo 700 milioni per sport e inclusione sociale

Pnrr, dal Governo 700 milioni per sport e inclusione sociale

Valentina Vezzali: «Lo sport è uno strumento di cittadinanza ed è un ponte tra culture diverse»

Dal Pnrr arriva una vera e propria boccata d’ossigeno per la crescita dello sport, ed in particolare dell’impiantistica sportiva.

«Con il programma “Sport e inclusione sociale” del Pnrr, sono stati stanziati 700 milioni di euro».

Lo ha detto, la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali, che nei giorni scorsi, ha preso parte all’audizione in Commissione Cultura, alla Camera, sullo stato di attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

«Con questi stanziamenti riusciremo a dare una risposta forte all’esigenza di impianti sportivi che arriva da più parti del nostro Paese. Sarà l’occasione per riqualificare l’impiantistica esistente oltre a dotare le Federazioni di spazi per lo sport di alto livello».

Il programma si baserà su tre cluster di intervento.

Il primo e più rilevante prevede la realizzazione di più impianti sportivi, cui sono destinate almeno il 50% delle risorse stanziate dalla Commissione, per un totale quindi di almeno 350 milioni di euro.

Il secondo cluster include invece la rigenerazione di impianti esistenti, cui sono assegnati 188 milioni di euro.

La tua pubblicità qui

Il terzo riguarda, infine, la creazione o la rigenerazione di impianti esistenti delle Federazioni Sportive”, ha spiegato la Vezzali nel corso della sua audizione.

I primi due interventi saranno destinati ai Comuni capoluoghi di provincia e di Regione, con popolazione residente superiore ai 20.000 abitanti e ai Comuni con una popolazione residente superiore ai 50.000 abitanti.

Per il terzo cluster le risorse, pari a 162 milioni di euro (di cui il 44% al Sud, n.d.r.), verranno destinate agli interventi proposti dai Comuni che dimostreranno la sussistenza di un particolare interesse da parte di una o più Federazioni Sportive.

«Nell’utilizzare i fondi del Pnrr destinati allo sport – ha continuato la Sottosegretaria Vezzali – siamo sottoposti a dei vincoli: la realizzazione di almeno 100 nuovi impianti entro il 2026, di cui il 40% al Sud».
«Ai fondi del Pnrr si aggiungeranno, poi, in un’ottica di complementarietà, anche ulteriori finanziamenti, attraverso i bandi ‘Sport e Periferie’ e ‘Sport nei parchi’, che andranno a coinvolgere tutto il territorio nazionale, dai piccoli Comuni alle grandi realtà”, ha aggiunto la Vezzali».

Insomma, una vera manna dal cielo per tutti quei comuni italiani che non riescono a trovare le risorse da destinare all’impiantistica sportiva, le amministrazioni locali sono avvisate.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari