domenica, 2 Ottobre 2022
HomeNewsValorizzazione delle attività storiche e di tradizione: ecco i dettagli

Valorizzazione delle attività storiche e di tradizione: ecco i dettagli

Il consigliere Paolicelli spiega i dettagli del progetto

Questo pomeriggio, preso la sala consiliare del Comune di Gravina si è tenuto l’incontro promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive guidato da Maria Schinco e i Presidenti delle Associazioni di categoria, i titolari di negozi storici, di botteghe artigiane storiche e di locali durante il quale è stato illustrato la legge approvata dal Consiglio Regionale della Puglia che riconosce e valorizza le attività storiche e di tradizione attraverso un bando che consente di conferire agevolazioni e benefici a queste attività.

All’incontro ha preso parte l’intera Giunta Comunale oltre al Consigliere Regionale Francesco Paolicelli, Presidente della IV Commissione Sviluppo Economico Regione Puglia.

In apertura dei lavori, l’Assessore Schinco dopo i consueti saluti istituzionali ha introdotto l’esimio ospite ad un  uditorio attento ed interessato.

Con il marchio “Attività storiche”, la Regione Puglia ha inteso riconoscere e valorizzare le attività storiche e di tradizione territoriali che costituiscono testimonianza della storia, dell’arte, della cultura e della tradizione imprenditoriale del territorio pugliese.

Da lunedì 18 luglio, infatti, i titolari di Attività storiche possono richiedere l’inserimento nell’Albo regionale esclusivamente tramite l’assistenza di  CAT (Centro di Assistenza Tecnica) e CATA (Centro Assistenza Tecnica Imprese Artigiane).

“L’avviso pubblico per il riconoscimento e la valorizzazione delle attività storiche e di tradizione della Puglia – ha detto il Presidente della commissione Sviluppo Economico, Francesco Paolicelli – rappresenta un ulteriore tassello che si aggiunge per la valorizzazione e la promozione del nostro territorio.

Dopo la possibilità attraverso il bando Nidi di finanziare il passaggio generazionale, oggi stiamo dando la possibilità di tracciare tutte le botteghe e i negozi storici attraverso un vero e proprio albo per poter accedere a una serie di vantaggi”.

La tua pubblicità qui

Il bando è frutto di una legge che punta a salvaguardare e custodire tutti quei negozi, locali storici e botteghe artigianali che per decenni hanno reso le città e i borghi della Puglia unici e riconoscibili in tutto il mondo.

La dotazione finanziaria per il triennio 2022/2025 è di 150mila euro, di cui 50mila per l’anno in corso.

Partecipando a questo avviso, gli imprenditori titolari di aziende storiche potranno entrare infatti in una vera e propria rete.

Dichiarazione del sindaco Fedele Lagreca

Saluto positivamente questo metodo di lavoro che consente ai cittadini di conoscere e confrontarsi su strategie ed opportunità che possano portare utilità.

Dopo il successo del primo incontro sulle strategie di rilancio del centro storico, oggi abbiamo offerto una nuova opportunità di confronto dedicata ai titolari di attività storiche e di tradizione nel nostro territorio.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari