sabato, 1 Ottobre 2022
HomeNewsPoliticaAmministrative 2022, si chiude il cerchio sui candidati sindaco di Gravina?

Amministrative 2022, si chiude il cerchio sui candidati sindaco di Gravina?

Tra fratture e investiture, si delinea il quadro complessivo nella città murgiana

Quelle che per tutta la mattinata di ieri erano solo indiscrezioni, nel corso della giornata si sono trasformate in certezze.

Partiamo dalla coalizione del Partito Democratico a trazione Valente.

Anche senza una vera e propria ufficializzazione alla stampa, da più parti giunge la conferma che a guidare la coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni comunali sarà Giacinto Lagreca appartenente al gruppo “Con” del presidente Emiliano.

Questa candidatura, inizialmente osteggiata anche in ambienti locali, garantirà al Partito Democratico stesso di non restare isolato, schiacciato dalle altre forze in campo.  

Ma la notizia che ha creato più scalpore nelle ore pomeridiane è la spaccatura avvenuta sul fronte alla coalizione civica/politica/imprenditoriale composta da #Unabellastoria e i gruppi che sostenevano le candidature di Christian Divella e Carlo Mindicini.

Non sono bastate le full immersion del weekend conclusesi nel cuore della notte a trovare una quadra intorno ad un nome che ricompattasse la coalizione, che ieri è improvvisamente implosa.

Qualcuno, nelle scorse ore, parlava di una situazione divenuta ormai insostenibile, scambi di accuse e forzature che hanno portato, col passare del tempo, ad uno sfilacciamento della compagine con lo sfibrante gioco di nervi fatto di veti e contro veti.

La tua pubblicità qui

Le picconate inferte dai sostenitori di Carlo Mindicini hanno, così, portato il gruppo #Unabellastoria a prenderne le distanze dagli ex amici di viaggio, con un comunicato dai toni molto duri.

Più di una voce proveniente dal gruppo composto da Art. 1, Sinistra Italiana, Futura, Movimento 5 Stelle e Progresso e Innovazione, assicura la volontà di voler proseguire in solitaria la corsa che conduce a Palazzo di Città, confermando la leadership affidata a Saverio Verna, ma c’è già chi scommette su una ipotesi di approccio del Partito Democratico alla ricerca di un percorso condiviso.

Circostanza, oggi, esclusa dal raggruppamento che riterrebbe superfluo, se non dannoso, sostenere una candidatura imposta dall’ex sindaco Valente.  

Dall’entourage di Mindicini (che ironia della sorte condivide lo studio professionale con Saverio Verna), fanno sapere che il drappello di forze che lo ha sostenuto sino a questo momento, continuerà a sostenerlo nella battaglia per sedere sullo scranno più alto di Palazzo di Città.

Silenzio, invece, dall’altro competitor Christian Divella, che attenderà ancora qualche ora per riflessione sui prossimi passi da compiere.

Clima più sereno sul versante Rinascita.

Nei giorni scorsi c’è stato un vertice tra la coalizione guidata, com’è noto, da Fedele Lagreca ed il gruppo di Impegno e Partecipazione, la nuova formazione politica nata dalla volontà di un nutrito gruppo di cittadini, tra i cui animatori ci sono figure che hanno avuto incarichi amministrativi in città.

Anche se l’alleanza non è stata ufficializzata alla stampa, pare che le parti abbiano raggiunto un accordo in previsione della imminente tornata elettorale.

Viste le clamorose evoluzioni delle ultime ore, non si esclude l’avvio di una fase di dialogo con gli immancabili scontenti delle altre coalizioni.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari