giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeNewsAttualitàGravina e Altamura, il resoconto del Natale 2022

Gravina e Altamura, il resoconto del Natale 2022

Turisti in calo del 30% rispetto al 2021

Feste natalizie archiviate, è il momento di tirare le somme.

A Gravina il clima festoso si è fatto sentire grazie alle tante iniziative messe a calendario dall’8 dicembre dall’amministrazione guidata dal neo sindaco Fedele Lagreca.

Ad Altamura il Natale non è decollato in pieno, anche e soprattutto per l’assenza di una giunta e del sindaco.

Sentiti alcuni commercianti altamurani, i più lamentano la scarsa presenza di forestieri e gravinesi in primis che da sempre affollavano il centro. Molti ristoratori gravinesi, invece, parlano di un Natale movimentato per via degli eventi con tanti turisti pugliesi, lombardi, toscani e francesi.

Sul fronte accoglienza, nell’ambito del progetto “Gravina si racconta” coordinato dalla Proloco Unpli Gravina, si è registrata una grande presenza di turisti. La provenienza è Bari e provincia, ma anche da Brindisi, Lecce, Foggia, Matera, Napoli, Torino, Milano, Bologna, Brescia e addirittura dal Brasile.

Per l’EPLI Puglia è stato, per Gravina, un Natale all’insegna del ritorno alla festa. L’associazione si complimenta con l’amministrazione comunale per il programma natalizio ricco di appuntamenti interessanti. Fra tutti spicca il presepe vivente Gravinae Nativitas. C’è stato il ritorno dei turisti stranieri nel 2022 sopratutto in estate. Un pò meno soddisfacenti le presenze registrate, con un 30% in meno rispetto al 2021. Costi maggiori e aumento della benzina fra le cause principali indicate.

Tendenza confermata da alcuni b&b che hanno ospitato piccoli gruppi in visita a Matera, con pernotto a Gravina, e in occasione della marcia della Pace. In molti si congratulano per le iniziative ma lamentano le problematiche organizzative su Gravina. Offerta frammentata e dispersiva, poca collaborazione tra gli operatori che mette in confusione il turista.

La tua pubblicità qui

Su Altamura, pochi eventi per Natale ma una maggiore organizzazione grazie anche all’attività della “Altamura b&b associati” che riunisce 25 attività ricettive del centro storico. L’obiettivo è fare rete e dare un servizio completo al turista che viene coccolato e seguito fin dalla prenotazione.

Registrata, anche su Altamura, una flessione negativa dei turisti intorno al 30% in meno rispetto all’anno procedente. La provenienza degli ospiti, soprattutto Nord Italia e pochi stranieri durante le festività natalizie. La mancanza di un cartellone eventi ha influito negativamente, a detta anche di molti commercianti del centro storico, sul turismo di prossimità. L’augurio del presidente dell’associazione, Nicola Disabato, è che nella prossima amministrazione venga affidata la delega al turismo a una persona competente e con esperienza. L’obiettivo per la città è di investire con serietà in un settore trainante dell’economia. Il sogno maggiore: la creazione di un brand che coinvolga l’intera città sul fronte accoglienza. L’associazione è già al lavoro per la programmazione 2023, con iniziative sempre volte a incrementare e migliorare l’ospitalità.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari