lunedì, 20 Maggio 2024
HomeNewsAsl Bari premiata per il miglior lavoro scientifico in Italia

Asl Bari premiata per il miglior lavoro scientifico in Italia

Il premio per la riorganizzazione dello Screening mammografico assegnato oggi dalla società Gisma alla dottoressa Alessandra Gaballo

 La ASL di Bari è stata premiata per il miglior lavoro scientifico sulla riorganizzazione dello Screening mammografico in Italia.

Il riconoscimento della società GISMa è stato assegnato oggi alla dottoressa Alessandra Gaballo, responsabile della UOSVD Screening mammografico e Radiodiagnostica senologico di Ospedale Di Venere, durante il meeting nazionale in corso in questi giorni a Bari, dedicato alle strategie per la prevenzione oncologica in ambito senologico.

“Sono orgogliosa di questo premio- ha detto la dottoressa Gaballo – che dà merito al nuovo modello organizzativo ed operativo del programma di screening della mammella adottato dalla ASL di Bari nel 2022.  La presenza del GISMa a Bari e di tanti esperti nazionali di screening – ha continuato- ci legittima dal punto di vista scientifico perché stiamo lavorando bene e siamo pronti alle novità che presto arriveranno, come l’introduzione della tomosintesi, la mammografia 3d in screening e l’ eventuale allargamento della fascia di età nella popolazione target”.

Nel corso del 2022, la ASL di Bari ha triplicato il volume di attività rispetto all’anno precedente, inviando 65.454 lettere e raggiungendo il 90 per cento delle donne aventi diritto alla mammografia gratuita nella fascia di età fra i 50 e i 69 anni.

Sono state eseguite 28.229 mammografie e 3.069 approfondimenti diagnostici. Grazie alla prevenzione sono state intercettate almeno 500 donne positive per carcinoma.

Intanto, come spiegato dalla dottoressa Gaballo, si sta già lavorando a migliorare ancora di più il sistema, attraverso l’integrazione tra il sistema Informativo regionale Screening oncologici e i sistemi informativi in uso da parte dei Medici di Medicina Generale.

In questo modo sarà assicurato l’accesso alla “posizione screening” aggiornata in tempo reale affinché i medici di Medicina svolgano un ruolo attivo come previsto dal Piano Regionale della Prevenzione 2020-2025

Richiedi il tuo banner su ilTag.it

“Gli obiettivi per il futuro – ha concluso Gaballo – mirano al consolidamento della  estensione, alla crescita della adesione, supportati da una maggiore diffusione della campagna di comunicazione  oltre ad un auspicato aumento del personale dedicato”.

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari