mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeNewsPoliticaConsiglio comunale per la Pace

Consiglio comunale per la Pace

A Santeramo il centro destra incalza l'amministrazione

Parte dal centro destra di Santeramo l’appello contro la guerra.

Porta la firma di Fratelli d’Italia, Forza Italia e Amiamo Santeramo la richiesta di un consiglio comunale per l’approvazione di una mozione umanitaria contro la Guerra e a favore del popolo ucraino

“La crisi in Ucraina di queste ore che sta destando grande apprensione e angoscia nella comunità internazionale, rappresenta uno degli eventi più drammatici della storia recente dell’Europa – si legge nel documento affidato alla stampa – L’invasione dell’Ucraina avviene in spregio ai valori fondamentali della nostra Costituzione che ripudia ogni guerra come strumento di offesa alla libertà dei popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionale; non diversamente l’atto unilaterale di aggressione della Russia ai danni della Ucraina avviene in spregio al diritto internazionale, quale strumento di risoluzione giuridica dei conflitti; è necessario che la Comunità internazionale reagisca in termini proporzionati all’offesa a tutela della indipendenza e della inviolabilità dell’Ucraina; allo stesso modo è doveroso che la politica Italiana concordemente predisponga una linea politica e economica finalizzata a preservare gli interessi nazionali dagli inevitabili riflessi economici che comporterà la guerra russo – ucraina; nondimeno è necessario intervenire in termini di cooperazione internazionale per scongiurare la prevedibile catastrofe umanitaria ai danni della popolazione civile ucraina”.

Per questo il centro-destra, rappresentato dai consiglieri Digregorio, Volpe e Nuzzi, chiedono al Governo italiano di “condannare con ogni misura ed in ogni sede internazionale l’unilaterale aggressione militare perpetuata ai danni dell’Ucraina; richiedere che l’Europa e gli Stati membri coordinino un intervento umanitario per l’accoglienza dei profughi ucraini a seguito della guerra che sta flagellando la popolazione; richiedere un intervento europeo volto alla creazione di un fondo per introdurre meccanismi economici di compensazione per riequilibrare i danni che le singole nazioni europee subiranno per vie delle sanzioni imposte alla Russia e delle conseguenti controsanzioni; creare una cabina di regia nella quale coinvolgere una rappresentanza delle aziende energivore e le governance dei colossi energetici (ENI – ENEL) per valutare soluzioni e proposte utili ad arginare i catastrofici effetti economici che si determineranno per via della crisi di approvvigionamento energetico da parte della Russia; garantire tempestivamente lo stato di rifugiati ai cittadini ucraini che ne facciano richiesta.”

In ultimo, si chiede al sindaco e all’intera assise consiliare di “creare ogni possibile mobilitazione affinché venga tutelata la pace e la garanzia del diritto internazionale in concorso con le altre istituzioni locali e con la società civile contro il sopruso che si sta consumando in queste ore;  a prendere contatti ufficiali con la Comunità Ucraina in Puglia per stabilire forme di sostegno concrete da offrire alle persone che cercano rifugio nel nostro territorio”.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari