domenica, 19 Maggio 2024
HomeNewsGravina città amica dell'autismo

Gravina città amica dell’autismo

La ASL sigla il protocollo di intesa con il comune che ora si unisce alla rete già composta da Altamura, Ruvo e Acquaviva

Si allarga la rete della Città amiche dell’Autismo in provincia di Bari. Dopo le intese siglate con i comuni di Altamura, Ruvo di Puglia e Acquaviva delle Fonti, la ASL di Bari ha sottoscritto un protocollo di intesa anche con il comune di Gravina in Puglia per predisporre iniziative congiunte di formazione e informazione rivolte alle persone con autismo.

I casi di autismo sono in aumento. In provincia di Bari sono almeno 2mila i minori con problematiche legate a questa condizione. Eppure il disturbo dello spettro autistico è ancora sottostimato e difficilmente diagnosticabile e spesso si creano situazioni di disagio per pazienti e famigliari. Da qui la necessità di una chiara informazione e una specifica formazione della comunità che possa migliorare la qualità della vita sociale delle persone con tali problematiche.

“La ASL – ha detto il direttore generale Antonio Sanguedolce – attraverso i servizi competenti, si impegna in particolare a promuovere attività di formazione finalizzate alla diffusione del progetto e organizzare con personale interno corsi rivolti a: famiglie; insegnanti di ogni ordine e grado, con particolare riferimento ai docenti di sostegno, addetti ai servizi socio-educativi, imprenditori e commercianti e liberi professionisti”.

Nel progetto saranno parte attiva il Dipartimento di Medicina della Età Evolutiva, la Unità operativa complessa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza e il Dipartimento di Salute mentale. Fare formazione e informazione contribuisce a rendere l’autismo, non tanto una disabilità ma piuttosto una risorsa sociale e lavorativa.

Soddisfatto il sindaco di Gravina in Puglia, Fedele Lagreca. “Questo protocollo d’intesa – ha dichiarato il primo cittadino – nasce per diffondere maggiore consapevolezza circa le esigenze delle persone affette dal disturbo dello spettro autistico, promuovendo e sostenendo iniziative volte a sostenere forme di accoglienza delle persone che vivono questa situazione, facilitando tutti gli aspetti della vita quotidiana e la fruizione di attività e servizi. Il tema – ha concluso Lagreca – è particolarmente sentito, tant’è vero che l’avviso pubblico ha avuto tantissime adesioni. Aderendo alla rete della “Città amiche dell’Autismo” ci consentirà di stare maggiormente accanto a soggetti affetti da autismo e alle loro famiglie”.

Richiedi il tuo banner su ilTag.it
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari