domenica, 5 Febbraio 2023
HomeNewsGravina, la Polizia Locale festeggia San Sebastiano

Gravina, la Polizia Locale festeggia San Sebastiano

Oggi alle 11 le celebrazioni con l'amministrazione comunale

Venerdì 20 gennaio, il Corpo della Polizia Locale festeggia San Sebastiano che, da 66 anni ne è patrono.

La celebrazione, presieduta dal cappellano del Corpo Don Giuseppe Loizzo, si terrà alle ore 11:00, presso la Chiesa di San Sebastiano (locali ex mattatoio).

Alla Santa Messa presenzierà l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Fedele Lagreca,  autorità civili e militari, agenti in quiescenza e le associazioni.

Al termine della Celebrazione, ci sarà la tradizionale lettura della relazione del Comandante della Polizia Locale Comm. Sup. Simone Lamuraglia e il saluto della Civica Amministrazione.

In serata dopo la tradizionale messa, ci sarà il falò dedicato a San Sebastiano con musica e canti.

In questa ricorrenza, gli uffici della Polizia Locale resteranno chiusi al pubblico per tutta la giornata.

Dichiarazione del Sindaco di Gravina in Puglia Dott. Fedele Lagreca

La tua pubblicità qui

La ricorrenza di San Sebastiano, comandante della legione preposta alla sicurezza dell’imperatore Diocleziano, condannato a morte per aver abbracciato la fede cristiana, diventi occasione di riflessione sul “bene” che il Corpo di Polizia Locale rappresenta per la nostra comunità.

Dichiarazione di Don Giuseppe Loizzo

Da qualche anno abbiamo voluto dare importanza alla festa di San Sebastiano, santo martire a cui è intitolato l’antico convento dentro cui si trova la parrocchia del SS. Crocifisso. Un santo che Papa Francesco ha voluto porre come modello ai giovani per l’attualità della sua testimonianza e per la forza della sua coerenza alla fede cristiana.
La nostra comunità parrocchiale si fa voce dell’intera città di Gravina che, nel lontano fine 1400, si affidò all’intercessione di San Sebastiano per chiedere la protezione celeste in tempo di pestilenza, e continua ancora oggi ad invocare il giovane martire per le tante piaghe fisiche, spirituali e sociali presenti nella nostra realtà.
La ricorrenza del 20 gennaio, in pieno inverno, ha suscitato il desiderio di ritrovarsi attorno ad un falò, che richiami l’antica tradizione di radunarsi attorno al fuoco, per goderne del calore e della sua imperante luce, per richiamare il bisogno di cercare sempre strade di luce, attendere oltre ogni inverno l’inizio della fioritura della vita personale e sociale, essere comunità che vive, festeggia e sa essere famiglia che condivide il tempo e la fede, ponendo davanti a sé i grandi modelli che, come San Sebastiano, tracciano il cammino.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari