domenica, 27 Novembre 2022
HomeNewsIl Parco dell'Alta Murgia sotto esame Unesco

Il Parco dell’Alta Murgia sotto esame Unesco

Arrivati i due esperti valutatori

Il Parco dell’Alta Murgia sotto la lente dell’Unesco. Due gli esperti ovvero  il geologo Dan-Alexandru Grigorescu giunto dalla Romania e lo spagnolo Ivan Cortijo Sanchez, paleontologo,  che nella serata di mercoledì sono stati accolti dall’intera comunità del parco. Nella splendida cornice della Fondazione Pomarici Santomasi si è svolta la cerimonia di accoglienza della Commissione UNESCO, alla quale hanno preso parte i sindaci dei tredici comuni con il sindaco di Gravina, Fedele Lagreca, che nel fare gli onori di casa, ha ribadito che il parco rappresenta “l’ identità culturale e umana” per un territorio che resta unico nel suo insieme. Diversi gli interventi che si sono susseguiti nel corso della serata tra cui quello dell’assessore regionale all’ambiente Anna Maria Maraschio che ha portato la voce e il supporto della Regione Puglia. La presentazione delle relazioni scientifiche è stata invece affidata ai  direttore del dipartimento di scienze della terra e geoambientali dell’Università di Bari, Giuseppe Mastronuzzi e al professor Marcello Tropeano del medesimo dipartimento.

A spiegare le ragioni di questa candidatura è stato ovviamente il presidente del Parco Francesco Tarantini, reduce da lunghi mesi di lavoro e ricerca, che dopo la prima giornata si dice “soddisfatto per il lavoro sin qui svolto soprattutto perché la candidatura del Geoparco ha avuto il grande merito di ricompattare tutta la comunità del Parco ritrovandoci intorno ad un progetto che parla della nostra terra ma anche delle nostre radici e della nostra tradizione”. In questi giorni i due esperti Unesco saranno impegnati in una serie di visite nei luoghi iconici del Parco a cominciare dai geositi di Spinazzola, Minervino e Ruvo. Top secret gli itinerari ma non si escludono visite alla cava dei Dinosauri e alle Miniere di Bauxite di Spinazzola.

La visita dei due valutatori terminerà venerdì con l’inaugurazione del Geo Museo nelle sale dell’ex convento di Santa Sofia a Gravina, uno spazio dedicato allo scienziato Arcangelo Scacchi.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari