domenica, 5 Febbraio 2023
HomeNewsMatera, consegnate le chiavi della scuola Bramante. Ad aprile via libera al...

Matera, consegnate le chiavi della scuola Bramante. Ad aprile via libera al trasferimento degli alunni

Bennardi: "Si chiude una vicenda decennale"

Si è svolta nel piccolo anfiteatro della scuola di via Bramante la cerimonia ufficiale di consegna delle chiavi da parte del sindaco di Matera alla dirigente Magda Berloco, dopo il taglio del nastro, la benedizione dell’arcivescovo monsignor Pino Caiazzo e il benvenuto degli alunni dell’indirizzo musicale, che hanno intonato “L’inno alla gioia” di Beethoven con una grande maestria. La cerimonia di consegna è stata preceduta da una conferenza stampa, a cui ha partecipato anche la funzionaria dell’ufficio scolastico regionale, Rosaria Cancelliere, l’assessore alle Opere pubbliche Sante Lomurno e il direttore dei lavori, il dirigente comunale Emanuele Lamacchia Acito.

Entro un mese si ultimeranno gli adempimenti tecnici, mentre ad aprile la dirigente ha garantito il trasferimento delle scolaresche nel nuovo plesso; un tempo necessario, a predisporre le misure di sicurezza e il trasferimento di persone e cose di questo importante istituto scolastico della città. Nel suo discorso, il sindaco ha tracciato una storia di questa complicata ricostruzione, evidenziando l’apporto fattivo della sua amministrazione alla revisione funzionale del progetto originario: “Con questa cerimonia, chiudiamo la lunga e complessa vicenda della ricostruzione di questo importante plesso scolastico, entrata subito tra le priorità della mia amministrazione comunale. -ha detto Bennardi- La mia amministrazione si è occupata dell’intervento analizzandone aspetti tecnici e funzionali; tale fondamentale attività, è stata svolta sino al compimento dei lavori dagli assessori alle Opere pubbliche Corti e Lomurno, e in primis da me che, in corso d’opera, ho chiesto una rielaborazione progettuale per accrescere e potenziare la valenza della nuova struttura scolastica in termini di sicurezza, sostenibilità e offerta formativa riguardo all’educazione ambientale. Quindi ho voluto che si migliorasse la qualità dell’aria in tutte le aule e gli ambienti di lavoro, garantendo spazi per approfondire i temi ambientali e la protezione dell’edificio dalle intrusioni. Ancora abbiamo voluto l’ottimizzazione dell’impianto di climatizzazione mediante un sistema di monitoraggio e gestione, che ne regoli adeguatamente il funzionamento, per garantire in ogni ambiente la sussistenza di valori ideali dei parametri di salubrità e di confort dell’aria interna; utilizzo dell’impianto geotermico anche nella stagione calda, in modo da ottenere un limitato raffrescamento degli ambienti (effetto cantina) tramite la circolazione nei pannelli radianti a pavimento dell’acqua risalente dalle sonde geotermiche; potenziamento delle opere a verde e di sistemazione esterna, in modo da consentire la fruizione degli ampi spazi esterni sia per la didattica che per la trattazione delle tematiche ambientali, prevedendo altresì a carico dell’appaltatore un periodo di mantenimento di tali opere che permetta, in un’ottica di sostenibilità e sussidiarietà, il graduale avvicendamento nella cura del verde di altri soggetti della società civile e/o dei beneficiari della infrastruttura scolastica. Internamente le colorazioni adottate sono naturali e rilassanti: il verde salvia per le pavimentazioni in linoleum, il sabbia chiaro ed il bianco per le pareti delle aule e di tutti gli spazi di relazione; solo per le tre aule della scuola dell’infanzia si è adottata una colorazione più accesa e caratterizzata creando un’aula azzurra, una gialla e una rossa. I principali materiali impiegati per gli elementi strutturali, architettonici e le finiture sono il legno lamellare, il cemento armato, l’acciaio, il vetro, il cartongesso accoppiato e coibentato, il linoleum, il gres, le lamiere metalliche grecate e coibentate. Tutto improntato al risparmio ed all’ottimizzazione energetica, oltre che al bassissimo impatto sull’ambiente. Tutti principi che vorremmo sposassero in pieno anche gli studenti -ha concluso il sindaco- che sono la generazione futura, a cui oggi consegniamo davvero una perla architettonica e funzionale. Questo è anche il vero riscatto dell’ufficio Opere pubbliche del Comune, che ha profuso un grande impegno in quest’opera”.

Lomurno ha ringraziato tutti e ripercorso le tappe faticose di un cammino decennale, sul quale hanno pesato tante situazioni contingenti e persino internazionali (la pandemia e la guerra in Ucraina). Lamacchia Acito ha elogiato il ruolo dell’amministrazione comunale, ma anche la professionalità della ditta appaltatrice, la “Brc” di Genova, per un appalto di poco superiore a 5 milioni di euro, che si è tradotto nell’alta dotazione tecnologica degli impianti (riscaldamento/raffrescamento geotermico, impianto fotovoltaico e persino sensori elettronici anti allagamento, oltre alla gestione di alcuni impianti da remoto e il sistema d’illuminazione full led). “Un edificio scolastico all’avanguardia -ha detto Lamacchia Acito- con un impianto di riscaldamento geotermico che ad oggi nessuna scuola del sud Italia possiede. Per fare questa scuola si è speso 1.540 euro a metro quadro, abbiamo paragonato l’intervento a uno analogo in tutto e per tutto di Parabiago nel Milanese, dove la spesa a metro quadro è stata di ben 2.800 euro. Il tutto richiederà una manutenzione attenta e competente, che sarà la nostra prossima sfida. Certamente il gestore (la dirigente scolastica ndr) non sarà lasciato solo”. Fra meno di due mesi, insomma, nel nuovo plesso di via Bramante saranno subito trasferiti circa 150 alunni, ovvero due sezioni di scuola per l’infanzia e sette della Primaria.

SCHEDA STORICA DELLA SCUOLA BRAMANTE

Quella della scuola “Bramante” è una storia tribolata è complessa, iniziata il lontano 3 agosto 2012, quando dopo l’esito negativo della valutazione di vulnerabilità sismica, l’edificio scolastico fu dichiarato inagibile e sgomberato. Due anni dopo, nel luglio 2014, la Giunta comunale approvò il progetto preliminare per la demolizione e ricostruzione del plesso, che avrebbe comportato un investimento di poco superiore a 5 milioni sul finanziamento “Piano Nazionale delle città”, con 740.000 euro a carico del Comune. Trascorsero altri lunghi 3 anni, e nel settembre 2017 fu stipulato il contratto d’appalto tra l’amministrazione comunale e la prima ditta aggiudicataria, che nel gennaio 2020 dichiarò fallimento. Questa volta, però, non si è perso tempo, perché nel maggio 2020 i lavori furono affidati agli stessi patti e condizioni alla ditta “Brc” di Genova, risultata seconda in graduatoria nella gara d’appalto precedentemente espletata. Nel giugno 2020 i lavori furono consegnati e ripresi, per concludersi nell’ottobre 2022 fino alla conclusione di oggi. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Bennardi, ha chiesto una rielaborazione progettuale dell’intervento, per valorizzare maggiormente la valenza della struttura in termini di sicurezza (impianto del sistema di videosorveglianza e anti intrusione), oltre che la sostenibilità (impiego di materiali eco) e l’offerta formativa in termini di educazione ambientale (orto, frutteto e spazi verdi per attività a tema).

LA COMPOSIZIONE FUNZIONALE DELL’EDIFICIO

La distribuzione degli spazi nella nuova scuola Bramante, è anche frutto di un intenso confronto con la dirigenza e il Corpo docenti, finalizzato a raccogliere concrete e utili indicazioni che potessero ottimizzare la nuova struttura scolastica, conformandola alle effettive e attuali esigenze didattiche ed organizzative. Così si decise, ad esempio, in accordo con la dirigenza, di adibire ad archivio un’aula al piano terra; a laboratorio multimediale l’aula del primo piano (già destinata a biblioteca) ed a sala per la musica l’aula contigua; allestire negli spazi esterni degli appezzamenti di terreno per la creazione di orti e frutteti didattici nonché di un piazzale pavimentato per lo svolgimento di eventi musicali, culturali e didattici; collocare un impianto di videosorveglianza esterno per la sicurezza.

La tua pubblicità qui

Questo nuovo plesso, quindi, è composto da 4 distinti corpi di fabbrica:

Scuola per l’infanzia, tre sezioni disposte a piano terra con coperture lignee e pareti ampiamente vetrate, 690 mq. di superfici coperte.

Scuola primaria, disposta su due livelli (piano terra e primo piano) con aule, laboratori ed uffici amministrativi, con anche un piccolo spazio aperto (teatrino) per rappresentazioni dotato di tribunette lignee per complessivi 1.710 mq di superfici coperte.

Palestra e biblioteca, costituita da un ampio volume a pianta rettangolare con copertura lignea a vista con all’interno una sorta di zona soppalcata che accoglie l’aula multimediale e l’aula della musica, 545 mq di superfici coperte.

La Mensa, composta da un ampio vano monopiano completamente delimitato esternamente da superfici vetrate, 255 mq. di superfici coperte. La comunicazione fisica e funzionale tra i quattro corpi di fabbrica è attuata da una sorta di portico-atrio consistente in un corpo di fabbrica centrale e baricentrico ove sono collocati anche i due accessi esterni al plesso scolastico per complessivi 150 mq di superfici coperte.

Ampi spazi destinati a verde, dove sono presenti 2 aiuole destinate ad orti didattici, un frutteto, un labirinto, un campetto di minibasket ed un ampio piazzale rettangolare per piccole manifestazioni outdoor, per complessivi 2.550 mq di superfici scoperte.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari