mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeNewsEmergenza Ucraina, la Prefettura di Bari cerca strutture

Emergenza Ucraina, la Prefettura di Bari cerca strutture

Al via un avviso pubblico per le strutture ricettive

Ad oggi sono “47mila le persone entrate in Italia, dall’Ucraina”, secondo i dati del ministero dell’Interno: il “50% donne, 40% bambini, 10% uomini”. Numeri derivanti dal censimento avviato dal Ministero dell’Interno e organizzato dalle singole Prefetture. Tante le persone giunte in Italia con mezzi propri e che vengono ospitate da parenti e strutture private per altri invece sono le Prefetture stesse che stanno organizzando la rete dell’accoglienza.

La prefettura di Bari, per esempio, ha avviato nei giorni scorsi un bando per raccogliere manifestazioni di interesse di strutture private in grado di mettere a disposizione locali idonei ad ospitare fino a 50 persone. Nel giro di tre giorni di pubblicazione di tale avviso, che prevede un pagamento di poco più di 30 euro al giorno per ciascun profugo ospitato, sono arrivate diverse offerte.

Al bando possono partecipare tutte gli enti, le associazioni e le fondazioni che hanno già avuto esperienza nei progetti di accoglienza in ambito Sprar e Cas. Tutte le richieste dovranno pervenire via mail all’indirizzo della Prefettura di Bari.

Intanto per evitare speculazioni sull’accoglienza, il prefetto di Bari, Antonella Bellomo ha disposto una serie di ispezioni per verificare la rispondenza della strutture candidate all’accoglienza allo standard dei requisiti previsti.

Tuttavia se i posti messi a disposizione dalle prefetture non basteranno, entreranno in gioco le Regioni (i governatori sono stati nominati commissari straordinari dell’emergenza) e gli enti territoriali.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari