mercoledì, 30 Novembre 2022
HomeNewsManca il grano, in Puglia via libera alla produzione di Freekeh

Manca il grano, in Puglia via libera alla produzione di Freekeh

A Grumo la prima sperimentazione di Coldiretti

In Puglia via libera alla produzione di Freekeh, il grano duro raccolto prima della maturazione per sopperire alla mancanza di grano duro provocata dalla guerra in Ucraina.

La notizia arriva da Coldiretti Puglia secondo cui il grano verde, essiccato al sole o arrostito e mangiato intero o schiacciato, può diventare una semola dai mille usi in cucina. Per questo mercoledì 27 aprile alle ore 10, all’Istituto Alberghiero di Grumo Appula (Via Roma, 4) testerà il nuovo grano, nato grazie ad un progetto di ricerca portato avanti dall’Università di Bari nelle aziende agricole VI Cento, Masseria Revinaldi e Agriturismo Civitelluzza, in collaborazione con Coldiretti Bari e Terranostra Puglia, associazione agrituristica e ambientale.

Lo chef Giuseppe Galena dell’Alberghiero e la squadra dei cuoci contadini degli agriturismi di Campagna Amica, aderenti a Terranostra, si esibiranno in cucina nelle preparazioni a base di grano verde, il cereale alla moda in Europa che gli agricoltori della Murgia stanno testando grazie al progetto di ricerca ‘New Grain’. «Il Freekeh è conosciuto da 5.000 anni in Medio Oriente e la sua prima menzione fu rinvenuta a Baghdad in un libro di cucina del tredicesimo secolo – spiega Coldiretti Bari – legato ad una leggenda, quella dei contadini obbligati a versare le tasse imposte dall’impero ottomano, ma sempre pronti a conservare parte del loro grano raccogliendolo prima del raccolto, per poi dargli fuoco per prevenirne la germinazione e la decomposizione».

Secondo il portavoce per l’Accademia di Nutrizione e Dietetica, Vandana R. Sheth, l’elevato contenuto di fibre del freekeh può aiutare le persone desiderose di perdere peso perché questo cereale sia ricco di proteine e di fibre fornisce infatti una sensazione di sazietà, che riduce il consumo di calorie complessive. Saranno presentati i risultati della ricerca dell’Università di Bari, i prossimi sviluppi della produzione, curiosità e cenni storici sul nuovo grano.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari