giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeNewsBasilicata, Ufficio consigliera Parità parte civile nel processo Woman Transfer

Basilicata, Ufficio consigliera Parità parte civile nel processo Woman Transfer

Sotto accusa una organizzazione criminale dedita allo sfruttamento di donne moldave


Il Gup presso di Potenza, dott. Pignata, ha ammesso la costituzione di parte civile dell’Ufficio della Consigliera regionale di parità, patrocinato dell’avv. Luca Lorenzo, nel procedimento c.d. Woman Transfer, a carico di una organizzazione dedita alla tratta di persone (badanti moldave) e all’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Dopo essere state reclutate attraverso profili facebook, le lavoratrici, tutte donne moldave, entrate nel territorio italiano con visto turistico, erano costrette a lasciare il passaporto nelle mani dell’organizzazione e a lavorare come badanti, in nero e in condizioni di sfruttamento, versando come tangente una quota del salario maturato. Le lavoratrici, inoltre, erano segregate e trattenute in alloggi gestiti dall’organizzazione in condizioni sociali, familiari ed economiche di vulnerabilità e di degrado.

La decisione di rinvio a giudizio è stata disposta in continuità con l’orientamento già precedente assunto dalla Corte d’Assise di Potenza nello scorso dicembre in un altro filone dell’inchiesta, dove l’Ufficio della Consigliera regionale di parità (deputato istituzionalmente al contrasto delle discriminazioni di genere sul lavoro) era stato già ammesso tra le parti civili.

Soddisfazione viene espressa da Ivana Pipponzi, Consigliera regionale di Parità effettiva, dalla sua vicaria Rossana Mignoli  e dall’avv. Lorenzo poiché “l’ammissione alla costituzione di parte civile per i delitti commessi in danno di una pluralità di lavoratrici vittima di tratta e lavoro nero conferma la sempre crescente sensibilità e tutela verso la questione di genere a contrasto delle condotte discriminatorie sui luoghi di lavoro”.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari