mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeNewsBradanica, aperta al traffico il primo tronco “La Martella”

Bradanica, aperta al traffico il primo tronco “La Martella”

Sulla statale Bradanica è stato inaugurato, con tanto di cerimonia pubblica, il primo tratto del tronco “La Martella” per la fruizione l’intero itinerario Bradanico, di oltre 140 km.

Il nuovo tratto della Bradanica

L’intero tracciato ha inizio al km 132,065 della SS655 “Bradanica” e termina sulla SS7 “Appia”, attraverso lo svincolo di ‘Matera-Centro’ per garantire l’accesso all’autostrada A16 ‘Napoli-Canosa’. Il tratto di nuova apertura presenta numerose opere ingegneristiche tra cui il viadotto Lama di Pepe I con tre campate continue della lunghezza complessiva di 90 metri. A questo si aggiungono il viadotto Lama di Pepe II a due campate continue della lunghezza complessiva di 60 metri ed il viadotto Santo Stefano a sei campate continue, con luce di 30 metri ed impalcato realizzato in calcestruzzo armato, che costituisce un unico corpo, della lunghezza complessiva di 180 metri circa.

Quest’ultimo viadotto, che sovrappassa l’omonimo fosso, è stato oggetto di interventi di consolidamento dei versanti  oltre che di opere di drenaggio delle acque di falda per scongiurare cedimenti strutturali causati dal consumo idrogeologico del suolo.

Prima della messa in esercizio, l’intero tratto della Bradanica è stato sottoposto ad un periodo di monitoraggio per verificare la stabilità delle opere e la sicurezza dell’intero tratto stradale.

Apertura Bradanica, dichiarazioni del presedente della Regione Basilicata Vito Bardi

 “Voglio ringraziare l’Assessore Merra per la dedizione e ANAS per la collaborazione: oggi con l’apertura del viadotto Santo Stefano si chiude una vicenda che è durata svariati decenni. Per i cittadini della provincia di Matera è una giornata di liberazione e l’apertura al transito del viadotto Santo Stefano è certamente una buona notizia. Adesso ci concentreremo sul completamento della tratta ferroviaria Ferrandina-Matera: come ha detto l’AD di RFI, i lavori cominceranno nel 2023 e si concluderanno nel 2026. Ma quanto accaduto con la Bradanica non è più tollerabile.  

Adesso con il PNRR e con i vari fondi comunitari, il tempo è un elemento fondamentale per poter non solo essere al passo con le altre regioni e le altre aree del mondo, ma soprattutto per recuperare il gap attualmente esistente, che è una pesantissima eredità e responsabilità del passato”. Ha concluso il presidente Vito Bardi.

La parola all’assessore regionale Merra

“Dopo tanti anni di attesa e dopo aver superato tantissimi ostacoli di ordine tecnico e strutturale, la Bradanica è finalmente ultimata e percorribile lungo tutto il tracciato da Matera a Foggia” ha commentato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, presente alla cerimonia di inaugurazione.

La tua pubblicità qui

“Un risultato – ha continuato l’assessore – reso possibile grazie all’impegno responsabile di Regione Basilicata e ANAS. Come è noto, l’opera ha visto un travagliato processo di completamento, dovuto ad atavici problemi in passato trascurati. Si completa così una direttrice stradale molto importante, sia per il traffico privato che per quello commerciale, una fondamentale strada di comunicazione fra l’area dello Jonio, la città di Matera e la direttrice Nord-Est, interessata nel tratto che si va ad aprire oggi, dalla presenza di un viadotto la cui messa in esercizio ci ha messo duramente alla prova”.

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari