mercoledì, 6 Luglio 2022
HomeTurismoCarta Europea del Turismo Sostenibile passa alla fase due.

Carta Europea del Turismo Sostenibile passa alla fase due.

Tarantini: occasione importante per le aziende del territorio

Al via ufficiale nel Parco dell’Alta Murgia il percorso per certificare le aziende nell’area protetta con il marchio legato alla sostenibilità in ambito turistico.

Per ottenere la certificazione,  verrà illustrato in un ciclo di incontri di presentazione tutto l’iter da seguire.

Gli incontri si svolgeranno il 23, 29 e 30 novembre nelle masserie del Parco, rivolti rispettivamente alle aziende dell’ospitalità e dell’accoglienza turistica, alle imprese che erogano servizi di fruizione, conoscenza e visita del Parco e agli operatori di agriturismi, masserie e boschi didattici.

La carta europea del Turismo Sostenibile

Terminata la fase 1 della CETS, in cui Europarc Federation ha certificato il Parco dell’Alta Murgia, si avvia la fase 2 che vedrà gli operatori turistici protagonisti del territorio.

La Carta Europea del Turismo Sostenibile rafforza la credibilità di un’azienda operante in un’area protetta. Certificare la propria attività con il marchio CETS offre numerosi vantaggi tra cui l’immissione della spesa dei visitatori nell’economia locale, il miglioramento dell’offerta turistica basata sulla valorizzazione del territorio, l’incremento delle prenotazioni, la riduzione dei costi operativi attraverso un uso sostenibile delle risorse, il riconoscimento dell’azienda a livello europeo e lo sviluppo di nuove opportunità commerciali. Le aziende saranno affiancate da un team di esperti messo a disposizione dall’ente Parco per supportarle nel processo con attività di formazione e confronto.

Le dichiarazioni del presidente Tarantini

«Con l’avvio della fase 2 – dichiara Francesco Tarantini, presidente PNAM – il Parco entra nel vivo della Carta Europea del Turismo Sostenibile per un nuovo modello di marketing territoriale, più incline alla sostenibilità ambientale e allo sviluppo delle comunità locali. Nei prossimi mesi le aziende avranno a disposizione un gruppo di tecnici per guidarle nel percorso di certificazione, dotandosi di strumenti più efficaci per migliorare l’offerta turistica. L’obiettivo è sviluppare prodotti turistici nel rispetto dell’ambiente, incrementando il flusso di visitatori e distinguendosi nel panorama europeo come Parco che guarda alla sostenibilità».

La tua pubblicità qui
ARTICOLI CORRELATI

I Più Popolari